39 - 120px-Iching-hexagram-39.svgPersuadere la tigre ad abbandonare i monti:
Aspettare il momento adatto per mettere il nemico in difficoltà, per poi adescarlo con un sotterfugio.
“Avanzare è difficile, è bene ritirarsi”.
(da I 36 Stratagemmi, a cura di L.V. Arena, ed. Bur)

Il trucco numero 15 de I 36 Stratagemmi, da utilizzare nelle “guerre vittoriose”, nell’ultima frase riprende e sintetizza le indicazioni dell’Esagramma39 L’Impedimento dell’I Ching, il Libro dei Mutamenti:

  • L’Impedimento: così il nobile si volge verso la sua persona e coltiva la propria virtù ed il proprio potere. (Grande Immagine)
  • Andare avanti conduce a Impedimenti, venire indietro incontra lode. È giusto aspettare. (Linea iniziale)
  • Andare avanti conduce a Impedimenti, venendo indietro e volgendosi si gioisce internamente. (Terza linea)
  • Andare avanti conduce a Impedimenti, venire indietro conduce all’unione perché la posizione è appropriata e si trova appoggio. (Quarta linea)
  • Andare avanti conduce a Impedimenti, venire indietro conduce a maturità e salute perché la propria volontà è diretta verso l’interiorità. (Linea superiore)

Il Libro dei Mutamenti suggerisce quasi sempre strategie d’azione di tipo Yin, cioè di adattamento alla situazione. Quando un impedimento non ci consente di avanzare, conviene, nella maggior parte dei casi, ritornare sulle nostre posizioni per rafforzarci, riflettere e cercare un modo per aggirare l’ostacolo.
Non è in nessun caso opportuno affrontare il nemico sul suo proprio terreno perché questo ci porrebbe da subito in condizione di inferiorità. Bisogna, piuttosto, come indica lo stratagemma, cercare di stanare l’avversario con un sotterfugio in modo che sia lui a doversi esporre su di un terreno che non gli è congeniale.

Valter Vico
Consulti con l’I Ching e la Numerologia Orientale, su appuntamento (a Torino) o via mail
333.26.90.739, valter.vico@gmail.com

ViVa I Ching: la Numerologia e l'I Ching a Torino

NOTE

36 stratagemmiI 36 Stratagemmi sono un trattato di strategia militare cinese che descrive una serie di astuzie usate in guerra, in politica e nella vita sociale, spesso tramite mezzi non ortodossi e ingannevoli. Il testo risale probabilmente alla Dinastia Ming (1366-1610).

Annunci